Skip links

Accesso abusivo a sistema informatico: per individuare l’autore del reato basta l’indirizzo IP

Corte di cassazione, sezione V penale, sentenza 23 marzo 2018, n. 20485 (depositata il 9 maggio 2018)
In tema di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615-ter c.p.), l’indirizzo IP (Internet Protocol) associato al dispositivo col quale è stato effettuato l’accesso (nella specie, a profili Facebook) costituisce, pur in assenza di ulteriori accertamenti tecnici, elemento idoneo a consentire l’individuazione dell’autore del reato.
approfondisci

from EIUS
via IFTTT