Uncategorized

Tim Cook: «La tecnologia può essere un problema per l’umanità»

By 09/06/2017 No Comments

Il CEO di Apple avvisa anche che non sempre è un bene consentire alle tecnologie di prendere decisioni al posto degli umani in luoghi nei quali la presena umana è ancora fondamentale.

La tecnologia deve servire l’uomo e non il contrario. È questa l’opinione che il CEO di Apple Tim Cook ha espresso ai laureandi del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ai quali ha tenuto il discorso di congedo.

Cook, che ha concesso per l’occasione un’intervista al MIT Technology Review parlando, tra le altre cose, di iPhone, ha spiegato i vari modi in cui Apple sfrutta tecnologie di apprendimento automatico, inclusa la gestione energetica della batteria dell’iPhone e per raccomandare brani con Apple Music. Il CEO di Apple poi parlando con il giornale ha anche detto che la stampa spesso non si accorge dei progressi della Mela nel settore dell’Intelligenza Artificiale, forse anche perché, contrariamente ad altri “venditori di futuro”, preferisce parlare di funzionalità quando sono pronte per essere utilizzate.

VIDEO

Cook ha voluto ancora una volta mettere in luce la rilevanza dell’umano nel mondo della tecnologia. Secondo l’amministratore Apple non sempre è un bene consentire alle macchine di prendere decisioni al posto degli umani in luoghi nei quali la presenza umana è ancora fondamentale. “Quando l’evoluzione tecnologica può crescere così esponenzialmente, penso via sia il rischio di perdere di vista il fatto che la tecnologia debba servire l’umanità, non il contrario”.

Per Cook la tecnologia non è sempre la soluzione per le cose, a volte è persino un problema. «Le conseguenze che derivano da un uso non adeguato della tecnologia – ha detto Cook sono pericolose per la sicurezza, la privacy, la correttezza delle informazioni e i social media che diventano antisociali. I nostri investitori spingono per massimizzare i profitti, ma gli ingegneri devono perseguire solo quel che è giusto». Secondo Cook «Internet ha dato un grande potere a molte persone, ma a volte le regole della correttezza sono sospese e trionfa la vacuità de contenuti. La tecnologia è in grado di fare grandi cose, ma non vuole fare grandi cose. Non vuole nulla, sapere che farne è nostro compito. Sono preoccupato per le persone che pensano come computer senza valori o compassione, senza preoccupazione per le conseguenze»

Uno dei ricercatori incontrati da Cook ha parlato di uno studio per rilevare la depressione in base all’attività sul telefono; lo studio in questione non sfrutta i framework HealthKit per limitazioni concernenti la privacy e alla piattaforma: a quanto pare Cook ha raccolto il suggerimento e inviato una nota dal suo iPhone product (RED) ai team che si occupano del framework

 

approfondisci

from Macity
via IFTTT